ArchivioAttività sindacali ed eventi FNPFNP news

#NonRinuncioMaRilancio Furlan: “Occorre ridare dignità e stabilità al lavoro”

Da 5 Dicembre 2014 Nessun commento

A Milano la terza giornata di mobilitazione della Cisl – Furlan: “Occorre ridare dignità e stabilità al lavoro”

Così Annamaria Furlan, alla platea di dirigenti e lavoratori della Cisl che si sono riuniti a Milano per la manifestazione che ha concluso la settimana di mobilitazione organizzata dalla Cisl per cambiare legge di stabilità e jobs act. “Una settimana importante per noi e per il Paese, – ha detto Furlan dal Palco – perché la Cisl vuole fare proposte grandi per costruire un’Italia diversa, coesa e solidale ed un’Europa del lavoro e del sociale”.

“Rispetto alla prima stesura la legge delega sul lavoro è già stata migliorata dal Parlamento ma questo non basta, è sui decreti attuativi che dobbiamo davvero lavorare al meglio”. Già a margine della quarta ed ultima manifestazione nazionale Cisl per il lavoro cui hanno partecipato i delegati delle regioni del Nord, Annamaria Furlan, commenta il Jobs Act. “Stiamo con ansia aspettando che ci convochino sui decreti attuativi – ha spiegato. Questo é stato un impegno che si è assunto il premier e il ministro del lavoro. Per noi è importante che nel contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti vengano assorbite le tante forme di precarietà che ci sono nel mondo del lavoro. Spero che sia l’inizio del superamento del precariato in questo Paese”.
Circa lo sciopero generale di Cgil e Uil per il 12 Dicembre prossimo Furlan ribadisce il suo no: “Ognuno ha fatto le sue scelte, ha scelto le sue forme di mobilitazione, la Cisl non si aggrega alle scelte degli altri, e ha fatto le sue scelte in autonomia” tuttavia “lavoreremo assieme per ricostruire un rapporto unitario. Il filo dell’unità non va mai spezzato”.

E dal palco (guarda il video) torna a ribadire l’importanza di questa settimana di mobilitazione che ha visto la Cisl insieme a migliaia di delegati a Firenze, a napoli e oggi a Milano. “Una settimana importante per noi e per il paese, – ha detto – perché la Cisl vuole fare proposte grandi e per farlo vuole ridare certezza, fiducia e dignità, perché si può costruire un paese diverso. Ma dobbiamo cambiare questa Europa che, come dice Papa Francesco, deve diventare l’Europa dei giovani e della speranza. L’Europa dei finanzieri deve diventare l’Europa del lavoro e del sociale. Qualcosa si sta facendo, ma non basta un po’ di tattica per spostare di un po’ il fiscal compact. Ci vuole un cambiamento strutturale: in modo che ogni euro speso per la crescita e lo sviluppo venga considerato ‘il sale della vita’ e non denaro sprecato”. Per tutti questi motivi “la Cisl è convinta che non basti una giornata di sciopero per la stabilità del lavoro: è la dignità che dobbiamo ricostruire per i nostri figli ed i nostri nipoti. Che possibilità di crescere, di guardare avanti ha un Paese dove non si fanno figli per paura del futuro, un paese sempre piu razzista, dove l’invidia sociale si sposta tra i poveri con atti terribili nelle periferie delle nostre aree metropolitane. Non è questo il paese che vuole la Cisl, ma un paese coeso e solidale”.

E al premier Renzi: ”Qualcuno dice che gli imprenditori sono degli eroi, tanto di cappello a chi ha continuato ad investire senza delocalizzare, ma ciascuno ha i suoi eroi” tiene a precisare la leader della Cisl. ‘I nostri eroi sono i delegati della Fiat che hanno ottenuto, soli contro tutti, che un’azienda diventata mondiale continuasse a produrre in questo paese, e sono i delegati che hanno ottenuto i contratti di solidarietà consentendo ai loro compagni di non perdere il posto di lavoro. E sono i pensionati e le pensionate che con meno di 800 euro al mese hanno sostenuto nipoti disoccupati e figli e figlie in cassa integrazione. Renzi dice di non volersi alleare con i poteri forti. Bene, allora si allei con noi del lavoro e faccia le cose che gli chiediamo e come datore di lavoro riconosca il contratto ai lavoratori della scuola e della pubblica amministrazione che Brunetta chiamava fannulloni e che lui tiene fuori dalla porta per discutere la riforma della pubblica amministrazione e della scuola. Tratti con chi il lavoro lo conosce, tratti con noi che abbiamo proposte e competenze, che rappresentiamo le persone in carne ed ossa, noi della Cisl ne rappresentiamo 4,5 milioni”.

Ha infine confermato l’intenzione del sindacato di avanzare proposte tanto sul fronte fiscale, quanto su quello delle pensioni: “Abbiamo preparato una legge di iniziativa popolare per la riforma del fisco e non aspetteremo il referendum della Lega per dire che la legge Fornero sulla previdenza e’ la peggiore in assoluto nella storia del paese. Siamo dunque pronti ad anticipare l’iniziativa politica della Lega per mettere mano alla riforma Fornero. Faremo proposte sperando e lottando – ha quindi concluso – perché il governo e il Parlamento cambino da subito questa legge”.

 galleria immagini FNP CISL – MILANO 4dic14

lascia un commento