Skip to main content

ANPI, ISTREVI, AVL, CGIL, CISL, UIL, ANS XXI, ARCI SERVIZIO CIVILE, ANEI-SEZIONE DI VICENZA,
LIBERA, GD, LEGAMBIENTE, MOVIMENTO FEDERALISTA EUROPEO,
FORNACI ROSSE, SARDINE, RETE DEGLI STUDENTI

organizzano

In occasione della Giornata della Memoria 2021
un convegno online per la presentazione del libro
“NEOFASCISMO IN GRIGIO. LA DESTRA RADICALE IN ITALIA E EUROPA” di Claudio Vercelli. 
L’evento si svolgerà sulla piattaforma zoom
VENERDI’ 29 GENNAIO 2021 ALLE ORE 18.
Sarà presente l’autore. Il libro sarà nelle librerie - edito da Einaudi - proprio in occasione della Giornata della Memoria.

I riferimenti:
Argomento: Riunione Zoom di ANPI Vicenza
Ore 18.00 del 29 gen 2021
Entra nella riunione in Zoom


Claudio Vercelli, storico contemporaneista, è docente a contratto all’Università Cattolica di Milano. Ha svolto inoltre attività di ricerca di storia contemporanea presso l’Istituto di studi storici Gaetano Salvemini di Torino, per il quale ha condotto il programma didattico pluriennale «Usi della storia, si della memoria». Per la Fondazione Università Popolare di Torino è titolare dell’insegnamento di Storia contemporanea. Giornalista, è collaboratore, tra gli altri, del “Manifesto», di «JoiMag» e di «Pagine ebraiche». Tra i suoi molti libri, ricordiamo: Il negazionismo. Storia di una menzogna (Laterza 2013), Neofascismi (il Capricorno 2018) e Soldati, Storia dell’esercito italiano (Laterza 2019).

Obbligato per decenni ai margini del dibattito politico per il suo apparente anacronismo, il neofascismo, nelle sue diverse declinazioni storiche, appare oggi come uno scomodo convitato. Non è il ritorno a vecchie organizzazioni che si erano incaricate di raccogliere, in età repubblicana, il lascito mussoliniano. In realtà assistiamo a una riformulazione culturale e antropologica della sua attualità: il neofascismo del presente è in grigio: si propone come il soggetto che intende difendere la «differenza»: nazionale, etnica, in prospettiva razziale, tanto più in età pandemica, nella crisi delle democrazie sociali.

Apri la locandina dell’evento

lascia un commento